summit

Summit

SUSTAINABLE URBAN MOBILITY MANAGMENT INFORMATION TECHNOLOGIES

Uno dei maggiori problemi delle città portuali dell' “Area di Programma Italia - Grecia” (Bari, Brindisi, Patrasso, Corfù) è costituito dalla congestione del traffico.

Nelle città in questione, la crescente richiesta di trasporto ed il traffico stradale hanno un impatto negativo considerevole sia sull’ambiente (accrescendo le emissioni ed il consumo di carburante) che sulla qualità della vita dei cittadini. Inoltre, queste città (ed altre nelle vicinanze che sono coinvolte dallo scorrimento del traffico) possiedono dei porti di significativa importanza sia come porti transfrontalieri per i passeggeri che come porti commerciali, con la conseguenza di ulteriori problematiche di traffico che fanno accrescere gli impatti negativi, in termini di ambiente e di qualità della vita della popolazione.

Dal momento che questa situazione rappresenta un ostacolo per il raggiungimento dell’Agenda di Lisbona e di Göteborg, vi è un rilevante bisogno di affrontare il problema.

Inoltre, la priorità 2.1 della strategia del  Programma Italia Grecia si concentra sul miglioramento delle infrastrutture sociale economiche e dei mezzi di trasporto, che creano un ambiente favorevole affinché il settore privato possa accresce la competitività e la capacità di innovazione. In particolare,

le politiche di trasporto dovrebbero rispondere ai bisogni che nascono dalla circolazione di merci e persone e dovrebbero  migliorare la qualità della vita dei cittadini.

Un approccio alternativo all'uso dell'automobile all'interno delle aree urbane potrebbe essere quello di adottare una strategia che si concentri su tre livelli di azione: promozione dei veicoli più sostenibili a livello ambientale; sviluppo della qualità dei servizi di trasporto pubblici, fornire incentivi alla mobilità non motorizzata.

Durante questi ultimi anni, molti comuni sono stati coinvolti in numerosi progetti riguardanti la mobilità sostenibile e sono stati eseguiti e verificati alcuni servizi pubblici ecologici innovativi (come ad esempio il bike sharing, o il car sharing). Tutti questi progetti devono essere coordinati e gestiti al fine di evitare delle copie, al fine di agevolare l'uso di questi servizi pubblici per i cittadini, e di rafforzare i servizi attuati.

Scopo principale del progetto è di ridurre gli impatti negativi degli inquinanti dell'aria, attraverso il dispiegamento di un sistema informativo di gestione avanzata della mobilità, basato sul TIC (Tecnologie dell'informazione della comunicazione). L'applicazione di queste tecnologie nel sistema di gestione della mobilità fornisce una soluzione e delle misure altamente efficaci e dai costi esigui per affrontare il problema della congestione del traffico urbano; per esempio i nuovi sistemi intelligenti che aiutano il conducente ad evitare incidenti, fornire i guidatori di informazioni in tempo reale per evitare le congestioni di traffico, ed ottimizzare il viaggio o le prestazioni del motore per migliorare l'efficienza dell'energia.

Questo progetto punta a fornire informazioni ai cittadini, aumentare le opportunità di mobilità e la riduzione dell'impatto ambientale dei sistemi di trasporto privato.